Ma sarà pedofila??

Io dico di no.
Voglio dire, quel ragazzo non pare proprio di 15 anni,
giudicate voi.
 
 
Così come Ruby non dimostrava di essere minorenne 
e il Berlusca ne approfittava QUASI indisturbato.
Sono due cose assolutamente diverse.
Qui abbiamo di fronte due persone che sono
talmente impazzite che provano dei sentimenti seri 
l’uno per l’altra.
Io non griderei alla pedofilia come tanti 
hanno fatto commentando questa notizia, secondo me
lei non lo ha adescato e sedotto contro il suo volere,
né stiamo parlando di un bambino,
i ragazzi di oggi sono di una precocità assurda,
nel fisico voglio dire,
io mi masturbavo a 6 anni!
 
Vabbè io sono un caso limite.
Il caso di Berlusconi si chiama depravazione;
il caso di questi due si chiama follia.
Che speranze hanno? Lei è molto più grande di lui.
Ma infischiandosene allegramente di loro
il mio primo pensiero è per la creatura che questi
due stupidi egoisti hanno concepito.
Non vorrei essere nei suoi panni.
Che cazzo farà con una mamma di 43 anni e un papà di 16?
 Si chiederà perché papà è così piccolo e perchè sua mamma
non lo è, gli torneranno i conti?
Come cazzo farà a spiegare ai suoi amichetti
che quella non è sua nonna e che quello non è suo fratello?
Come si sentirà??
Ma cazzo,
perché le persone non pensano un attimo 
prima di riprodursi????????????????
????????????????????????????
????????????????????????????
L’amore non basta!!!!
Dopodiché mi chiederò per un altro paio d’ore
come una donna di 40 anni può scegliere
di stare con un ragazzino.

Continue reading

"Lost in traslation"

Dopo un lungo silenzio, torniamo su queste scene con un post leggero ma che denuncia anche tanta tristezza nell’apprendere come ancora la superficialità in certe cose sia così dilagante.



Quel che vedete è una foto tratta da un sito che ospita lavori di artisti, e fin qui …. nulla di male anzi.


In questo caso state vedendo un’immagine estratta da un lavoro di Katarina Stefanovic dal titolo: Dreamland


Se interessati potete trovare qualcosa anche qui:

http://www.flickr.com/photos/jup3nep/sets/72157603856136177/

Apprezzare o meno il lavoro di un artista è del tutto soggettivo mentre non lo è affatto leggere la traduzione simultanea di google per questa pagina web, nel senso che oggettivamente fa schiantare!!!


Testo originale:


” We love find­ing new artists and design­ers to inspire our read­ers. If you think your work might be a good fit, shoot us an email and we’ll be in touch. Unfortunately, due to the increas­ing vol­ume of sub­mis­sions we are receiv­ing, we will not be able to respond with regrets. “


Traduzione:


” Ci piace trovare nuovi artisti e designer di ispirare i nostri lettori. Se pensate che il vostro lavoro potrebbe essere una buona misura, ci spara una e-mail e saremo in contatto. Purtroppo, a causa del crescente volume di comunicazioni che riceviamo, non saremo in grado di rispondere con i rimpianti. “


Continue reading

Sesso all’aria aperta

Curiosando per i siti dedicati ai blog
ho trovato quest’iniziativa, si chiama
realizzata da DoveConviene.it.
In tre semplici passi si può piantare 
un albero a Goritz, almeno per il momento.
La Germania è un posto magnifico,
sono stata a Monaco, in un mercatino c’era una
scritta gigantesca: BANANEN!
Ma anche quando non fosse stato piantato 
là ne avrei parlato comunque,
sono ambientalista.
Così tanto che mi è capitato di fare sesso all’aperto,
in un parco della mia città.
Qualcuno correva, qualcun altro faceva un pic-nic,
io invece trombavo allegramente
dietro ad un cespuglio.
 E vorrei continuare a farlo…
Come dite?
Si tratterebbe di atti osceni in luogo pubblico?
In effetti…
beh, se non ci fossero gli alberi e i cespugli a nasconderci
sarebbe più difficile traviare qualche animo giovane,
quindi spero vivamente che quest’iniziativa possa
darci la possibilità di fare qualcosa, anche
con un piccolo gesto.

Ecco qui il testo che va pubblicato per ottenere che l’albero sia piantato:

Da oggi posso finalmente urlare al mondo che il mio blog è a impatto zero!

  Partecipando alla lodevole iniziativa ambientalista promossa da DoveConviene.it, il sito che aggrega tutti i volantini promozionali e li rende consultabili online, ho permesso ad un nuovo albero di vedere la luce in una zona boschiva a rischio di desertificazione.

L’iniziativa è molto semplice: per ogni blog che aderisce al progetto DoveConviene
pianta un albero la cui produzione di ossigeno andrà a compensare le emissioni di anidride carbonica prodotte dal mio sito.

  Forse non tutti sanno che in media un sito internet si fa carico ogni anno dell’emissione di 3,6 kg di CO2, a fronte di ciò invece un albero è in grado di assorbirne fino a 5 kg all’anno. Il bilancio finale è a favore dell’ossigeno, il mio blog ne guadagna, l’ambiente ne guadagna e con lui tutti noi.

  DoveConviene tramite l’attività di distribuzione di volantini in formato elettronico si sta facendo portavoce di una nuova tendenza mirata alla diminuzione dell’utilizzo e spreco di carta per scopi pubblicitari. Tutti i più popolari e diffusi volantini, come questi:

http://www.doveconviene.it/volantino/eldo

http://www.doveconviene.it/volantino/ipercoop

http://www.doveconviene.it/volantino/marco-polo-expert

sono ora disponibili anche online, consultabili al pc ma anche tramite apposite applicazioni per iPhone, iPad e Android.

  I volantini inoltre sono facilmente consultabili, eccone degli esempi:

Bricocenter

Cisalfa

Eldo



In 12 mesi di attività sono stati già piantati più di 1.000 alberi, ma l’iniziativa non si ferma qui e per i prossimi mesi la sfida lanciata è ancora più ardua: piantare altri 1000 alberi entro la fine di agosto. Se l’intento riuscirà altri alberi verranno aggiunti al computo totale come premio alla zelanza dei blogger italiani. Perciò partecipiamo tutti numerosi!

Per chi vuole approfondire nel dettaglio sull’iniziativa vi invito a visitare http://www.iplantatree.org/project/7

Continue reading

Oggi

scendendo dal treno  a Termini ero di fretta, non avevo neanche mezz’ora per arrivare dall’altra parte di Roma.
Il tempo di prendere un trancio di pizza con la mozzarella fumante e mi sono incamminata verso la metro. Proprio mentre stavo pensando: chissà se lo becco…Zac! lo vedo proprio in cima alla scala mobile, insieme ad un altro ragazzo. Mi avvicino, mi vede e fa un movimento come piegandosi sulle gambe e sgranando gli occhi, tipo bum! Ciao. Capisce subito che non ho tempo.Vai di fretta? si si… è tardi… Poso i piedi su quei gradini metallici. Non mi giro, no, non mi devo voltare mi ripeto mentre do un morso alla pizza. Sono quasi arrivata in fondo che mi sento un braccio sulle spalle. Ma dove vai così di corsa… dove vai… vieni ti devo far vedere una cosa.
Una cosa?
Si, una cosa che non hai mai visto
Ah! Vorrei rispondergli che ho visto già tutto di lui. Poi non so perché mi immagino sia un nuovo tatuaggio, e lo seguo. Ma quanto sono ingenua, eh?
– Ma dove mi porti?? No, nei bagni no eh?
– Quando ti vedo… vedo o sole. Però mi piaci di più con gli occhiali, sai?
– Con gli occhiali?- Ah si ora ricordo, l’ultima volta, mentre leggevo gli orari dei treni avevo gli occhiali.
– Si sai perché? mi sembri una segretaria, una professoressa.
Ecco ora anche i giochi di ruolo ci mancano. Se penso a quanto ho odiato quelle lenti da ragazzina, ora invece scopro che a certi uomini eccitano pure… mah misteri dell’animo maschile… averlo saputo prima!
Non ho voglia, non ho voglia e ho poco tempo… arriviamo vicino ai bagni e si dirige verso un ascensore. Apre la porta e subito appena entriamo mi è addosso…
Io ho la borsa a tracolla sotto un’ascella, lo zaino sulle spalle, la pizza  nella mano destra con la mozzarella che mi sta colando sul pollice e lui che mi infila le mani dappertutto.
– Ahio mi fai male! – Ma possibile che mi debba massacrare le tette ogni volta?
– Fatti toccare solo un po’… e intanto infila le mani sotto la gonna, poi dietro
– il tuo culo.. il tuo culo fammelo sentire… –
e intanto continua a schiacciare i bottoni, le porte si aprono ad ogni piano. Mio Dio è un incubo!
– No dai così non mi va- finisco la frase e mi caccio l’ultimo pezzo di pizza in bocca. Almeno una mano è libera.
– Ah preferisci sul treno eh?
– no, dai lasciamo stare… accompagnami alla metro

©Copyright 2010-2011 I racconti erotici di Vuerre

Continue reading

Punto G e punto L: una fede?

Sembra quasi una fede,
perché dobbiamo crederci senza averli mai visti.
Io penso di aver capito dove sia il punto G,
ma gli studiosi continuano a ripetere che non esiste.
Certo, se uno di loro (maschio)  viene a dirmi che non esiste
il punto L, come minimo lo prendo a testate.
Non sarà scientifico ma è assodato che 
andando a stimolare certe zone l’uomo gode di più.
Perché ho scritto queste cose?
Perché in questi giorni si sollevava qui il dubbio
sull’esistenza dei due punti magici.
Sul punto L non scommetterei,
a me basta che tocchino i due “punti C”
(i capezzoli)
vado alle stelle!
Ma credo al punto G,
perché quando tocco quella zona mi sembra di 
avere una bacchetta magica capace di far godere
in modo speciale.

Continue reading

Gittata dello sperma e punto L

Se la mia prof di fisica mi vedesse 
forse non sarebbe proprio fiera di me…
Ma quando ieri sera un uomo al quale
avevo appena fatto un lavoretto si è eiaculato fino al collo
ho pensato alla parola magica, 
quella che non mi veniva in mente
da una delle ultime interrogazioni di fisica:
la gittata.
E’ da un po’ di tempo che gli stimolo
il punto L dall’esterno, ieri sera
ho anche succhiato alla cima del pene,
stimolando l’uretra e il punto L.
Per stimolare dall’interno bisogna infilare
 un dito nell’ano e smanettare la prostata, 
ma se lo faccio mi “arriva un cazzotto”, dice lui.
‘Sti maschi retrogradi.
 Sta di fatto che nel giro di qualche mese
non solo il suo orgasmo si è fatto più intenso,
ma pare che anche la gittata sia aumentata.
D’accordo, lo tenevo a 45° e a quanto pare questo 
incide, ma è anche vero che lo tengo sempre 
a 45°! Insomma ieri lo sperma non gli macchia solo
la pancia come al solito, ma arriva fino al collo
bagnando il cuscino.
Un mio amico che legge moltissimo
sulla stimolazione sessuale mi ha confermato
che può succedere. Ho provato a cercare su internet,
forse ho cercato male, su yahoo answers
ho trovato il disegnino che ho postato qui sopra,
un tizio l’ha calcolata davvero la gittata!!
Trovate tutto qui.
Provateci e fatemi sapere!!

Continue reading

Consapevolezza di sé

Una ragazza che chiamerò Ayumi
ha 30 anni e sta da un po’ con un uomo che ha 11 anni in più di lei.
Ayumi ha i genitori separati da una vita
ed è cresciuta con la madre.
Il padre lo ha sempre visto lo stesso,
ma è stata una presenza vacua, che le ha dato solo sofferenze.
Ayumi si è sentita vuota per troppo tempo,
e così ha cercato di riempire quella lacuna
con tante amicizie maschili,
con molti interessi, con le soddisfazioni che
può darle un lavoro, seppur precario.
Adesso, quando dorme dal suo uomo,
si gode i solchi sul suo viso;
passa le dita tra i capelli delle sue tempie, 
che sono un po’ bianchi.
Assapora tutte le volte che la rimprovera più o meno dolcemente,
perché cammina scalza, perché arrotola disordinatamente 
le coperte del letto, perché lascia il rubinetto del gas aperto,
o perché salta fuori dal letto mille volte, prima di addormentarsi,
perché si è dimenticata di lavarsi i denti o di prendere l’anticoncezionale.
E lui le dice di far presto, di tornare a letto perché è tardi.
E lei trotterella contenta, perché queste cose non 
le ha avute mai.
Mai da un uomo amorevole.
La differenza rispetto a prima
è che ora SA che questo succede perché 
le è mancato un padre.

Continue reading

Io Micima Sturbo e Tu?!?

Gente, trovate la fantastica pagina FaceBook qua: https://www.facebook.com/pages/Io-Micima-Sturbo-e-tu/255645431183519 Informazioni: In questa pagina FaceBook pubblica (ma vietata ai minorenni) il signor Sturbo Micima (della Micima Corporation) ci suggerirà nuove fonti di “masturbazione” parlandoci delle sue ultime “pratiche masturbatorie”. Il tutto verrà fatto in un ambiente socio-culturale di altissimo livello, per cui, pur non amando operazioni di […] Continue reading

Io Micima Sturbo e Tu?!?

Gente, trovate la fantastica pagina FaceBook qua: https://www.facebook.com/pages/Io-Micima-Sturbo-e-tu/255645431183519 Informazioni: In questa pagina FaceBook pubblica (ma vietata ai minorenni) il signor Sturbo Micima (della Micima Corporation) ci suggerirà nuove fonti di “masturbazione” parlandoci delle sue ultime “pratiche masturbatorie”. Il tutto verrà fatto in un ambiente socio-culturale di altissimo livello, per cui, pur non amando operazioni di […] Continue reading